Mezz’ora con Carlin

petriniEccomi qui, seduto ad un tavolo in una saletta attigua al Palau Robert, in Paseo de Gracia. Con me, alcuni giornalisti e Carlo Petrini, detto Carlin, fondatore di Slow Food. L’occasione: la consegna a 47 ristoranti catalani della targa “Km. 0”. Non mi dilungo a spiegare chi è Petrini e cosa rappresenta per tutti noi, per quello c’è wikipedia. Solo dico che da molti anni il messaggio di Slow Food è entrato profondamente nelle nostre vite di amanti della gastronomia perché non segue le mode, perché parla di qualità e di sostenibilità e di molte altre cose che ci stanno a cuore e che abbiamo discusso in questo incontro. Ecco il Carlin-pensiero:

Ricetta Vs materia prima
“Siamo sommersi da programmi Tv e da riviste che ci spiegano ricette, ma che non ci parlano della materia prima, della biodiversità e dei contadini, di quello che fanno per portarci a tavola prodotti sani e buoni. Oggi il cibo ha perso valore: ci si chiede quanto costa e non quanto vale!”

Chilometro zero
“In Catalogna e in tutta la Spagna prevale il monocoltivo, che insieme all’avvento dei prodotti transgenici sta provocando la scomparsa dell’agricoltura locale. Per questo, qui più che in altre parti del mondo, usare prodotti chilometro zero è fondamentale. Ma non solo. Sappiamo che per dare impulso ai prodotti chilometro zero abbiamo bisogno dei contadini e di dare loro la possibilità di vendere il loro prodotto. Uno dei modi è quello di attivare un sistema di mercati locali. In USA, solo per fare un esempio, sono stati organizzati negli ultimi anni oltre 12.000 mercatini dove il contadino può vendere il suo prodotto al consumatore finale”.

Gastronomia e televisione
“La gastronomia che fa notizia, delle belle foto e dei programmi TV, è pornografia alimentare”.

Cibo e sprechi
“Ogni giorno, nel mondo produciamo cibo per sfamare 12 miliardi di persone. Siamo in sette miliardi e un miliardo muore di fame. Ecco, dobbiamo esserne coscienti e agire di conseguenza. Evitiamo tutti gli sprechi, dalla casa al ristorante. Evitiamo questa schizofrenia alimentare!”.

Futuro e Europa
“In Europa stiamo vivendo un momento di cambio lento. Deve esserci prima la volontà politica, una volontà trasversale, da parte di un numero sempre maggiore di politici coscienti della situazione che stiamo vivendo. A Bruxelles qualcosa si sta già muovendo, ma siamo ancora a metà dell’opera. Serve, per esempio, che qualcuno chieda al Governo spagnolo: perché tanta agricoltura intensiva? Perché è così diffuso il monocoltivo? Perché gli OGM?”

Costruire comunità
“Dobbiamo fare qualcosa per evitare che la grande distribuzione accaparri la totalità del mercato del cibo. Per fare ciò dobbiamo spingere la piccola distribuzione organizzata con la creazione di comunità di produttori e consumatori che facciano rivivere il piccolo commercio di quartiere, che compra il prodotto direttamente da chi lo produce”.

Papa Francesco
“Ho ricevuto una telefonata da Papa Francesco, alcune settimane fa. Anche per me, che sono agnostico, è stata una gratissima sorpresa. Abbiamo parlato di modi per combattere la fame nel mondo, di economia della sussistenza e di agricoltura. Abbiamo tratto la conclusione che applicare il paradigma dell’industria alla produzione agricola porterebbe la morte dell’agricoltura”.

Annunci

Informazioni su marcobozzer

Periodista. Prensa y comunicación /// Giornalista. Stampa e comunicazione
Questa voce è stata pubblicata in Italiano e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...