La piadina più romagnola

BAJA Ro-magna-14Era il 2006, anno zero della ristorazione italiana a Barcellona, l’anno dei primi passi del Xemei e dell’auge de I buoni amici di Daviano Neri (oggi chiuso), di una sola pizzeria buona in tutta la città (La Bella Napoli di carrer Margarit) e del primo arrivo di una specialità italiana da passeggio, la piadina. Quasi dieci anni più tardi, sbarca in pieno centro e a due passi da Plaza Sant Jaume la sua versione perfezionata e più romagnola: la piadina del  Ro.magna.

Continua a leggere

Annunci
Pubblicato in Italiano | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Bella copia

pseudo-pizzaNell’arte e in cucina parliamo di creatività e sensibilità, ma anche di falsi e di imitatori. Grandi chef copiano abbinamenti di sapori e ottimi musicisti copiano riff di chitarra o giri di basso. Niente di male se il pizzaiolo-artista della Nova Fontana, imitando un pizzaiolo napoletano, abbia creato un nuovo prodotto, la nonèpizza, un eccellente falso d’autore. Dategli la mozzarella fiordilatte per sostituire il surrogato che infila in forno e quest’uomo, serio e taciturno, diventerebbe il miglior pizzero-artista dell’intera Spagna.

Continua a leggere

Pubblicato in Italiano | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Pasta, baccalà e YouTube

voglioviverecosìQui sotto troverete cinque link a cinque video di circa tre minuti ognuno. Tutto quello che vedrete in questo quarto d’ora scarso di filmato è accaduto un sabato di luglio, un giorno di caldo, afa e pancia piena. Potrei dire anche di parole biascicate e di frasi sconnesse, ma almeno Paola Grieco e Francis Mateo, coordinatrice e cameraman di questa serie di Voglio vivere così, hanno capito ogni mia parola. Ho scelto queste cinque tappe, consapevole che non sono le uniche possibili, ma sono a loro modo uniche, nel senso di originali, e buone.

Continua a leggere

Pubblicato in Italiano | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Parola di chef

piazzeUn annetto fa scambiai due chiacchiere con Ramon Freixa, chef del ristorante omonimo di Madrid (due stelle Michelin). Barcellonese doc, approfittai per chiedergli quali sono i suoi ristoranti italiani favoriti della città. Me ne segnalò un paio. Uno l’hanno chiuso da poco, si chiamava Dolci Parole, un ristorante che provai mesi fa. Entrai perché il nome mi ricordava una specie di Espai Sucre all’italiana. Dolci parole. Niente di più sbagliato. Le parole per giudicare un menù caro (15 euro!) di qualità appena accettabile, sono quelle racchiuse nel testo della classica canzone napoletana Anema e core:  che ce dicimmo a fa parole amare

Continua a leggere

Pubblicato in Italiano | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Funghi e vini ai Due spaghi

duespaghiPrendiamo un ristorante tosto, il Due Spaghi di carrer Sepúlveda, e un viticoltore emergente della DO Terra Alta, Marco Bernava. Benediciamo la loro unione con Sua Maestà il Porcino e con una grappa del Trentino (Cantine Marzadro) e in un momento l’autunno ci fa subito vedere il suo lato migliore. Proprio per festeggiare la nuova stagione, pochi giorni fa ci siamo seduti a tavola e abbiamo dato il via ad un viaggio enogastronomico per i boschi italiani (e catalani). Più che una cena, una sorta di pic-nic di lusso in mezzo all’Eixample barcellonese con un menù adattato alle materie prime: crostino di pane nero con lardo di Colonnata e porcini, prugne al forno con lo speck e lamine di porcini impanati come antipasti; spaetzle di zucca con funghi gallinacci e formaggio Casolet di primo; roast-beef ecologico con salsa di porcini e tortei (nella foto) di secondo; semifreddo di cioccolato bianco e porcini. So che elencare tutto ciò in poche righe, una sotto l’altra, è come entrare di botto in un autunno che, tra le altre cose, è arrivato ricco di funghi, tanti, belli e buoni. Così è iniziato anche l’autunno dei Due Spaghi, un ristorante che più lo provi e più ti convince. Il merito va al lavoro dello chef Paolo Mangianti e alla direzione di Nicoletta e Toni, proprietari, gastronomi e cercatori di funghi che hanno creato in pochi mesi un locale che oggi è uno dei pochissimi punti di riferimento della cucina italiana a Barcellona. I nostri due amici (lei italiana e lui catalano) dicono che più che un ristorante italiano è un ristorante “all’italiana”, una dichiarazione di intenti che è diventata il marchio della casa.

Continua a leggere

Pubblicato in Italiano | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Se vieni da queste parti…

menudedldiaSono pigro. Se devo pranzare, sia per lavoro che per piacere, preferisco non muovermi molto dalla zona del mio ufficio. Sono fortunato: da dove mi trovo posso garantire qualità e prezzo in un raggio di 400 metri. Li troverete a pochi passi da Palau Viçenc di Gaudí tra le fermate di Fontana (L3) e Sant Gervasi/Plaza Molina (FGC), zona ad alta densità gastronomica.

Continua a leggere

Pubblicato in Italiano | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Un piemontese a Sant Cugat

lapiazzetta_rgb5Nel Parco Naturale di Collserola non ci sono né tartufi, né vigne per produrre grandi vini rossi. Da quelle parti, versante Vallès, qualcuno pensò che bisognava rimediare. Come? Importando tartufi e piantando vigneti? No, più semplice. “Gemelliamo Sant Cugat con Alba, Cuneo!”. Immagino questa frase pronunciata durante un consiglio comunale dall’assessore buongustaio di turno. Il silenzio successivo. I primi timidi applausi e poi la standing ovation! Chi, tra gli italo-barcellonesi considera Sant Cugat del Vallès solo un posto di fighetti e riccastri, sappia quindi che è gemellata con Alba e che, tra gli effetti gastronomici collaterali di questo trattato, è nato a fine 2013 il ristorante La Piazzetta. In pieno centro, vicino allo splendido Monastero, elegante ma informale, questo locale è l’avamposto della piemontesità (acquisita) della città catalana.

Continua a leggere

Pubblicato in Italiano | Contrassegnato , , | Lascia un commento